Quartiere di Sant Antoni: Storia, Attrazioni e Informazioni

Storia, curiosità e luoghi d'interesse del quartiere di Sant Antoni a Barcellona.

Pur prendendo il nome da un antico convento, il Quartiere di Sant Antoni vede il suo nucleo nello storico "Mercato di Sant Antoni" costruito verso la fine del XIX sec. Il suo aspetto attuale è il risultato degli interventi eseguiti in occasione dell'Esposizione Universale del 1929.

Quartiere di Sant Antoni: Storia e Curiosità

Il nome del quartiere ha origine dal convento di Sant Antoni Abat, costruito nel XV secolo, vicino alle mura di Barcellona. Proprio da qui partiva la strada per Fraga, che passava per Esplugues e Martorell e che era una delle vie principali e più transitate.

Questa strada portava alla cosiddetta “Creu Coberta”, dove si trovava la croce indicante il confine di Barcellona, prima di entrare nella cittadina di Sants. Nel 1806 il convento passò nelle mani degli Scolopi, che ne presero definitivo possesso nel 1815, e nel 1839 nacque la Escuela Pía de Sant Antoni.

L’origine del mercato di Sant Antoni risale alla metà del XIII secolo: si trovava fuori le mura e fu trasferito, intorno al 1850, in Carrer del Consolat. Quando nel periodo 1872-1882 Rovira i Trias costruí il grande mercato in ferro, la zona era molto poco popolata e serviva da mercato per il quartiere popolare del Raval.

A poco a poco quel mercato e le bancarelle que lo circondavano si consolidarono come una grande fiera, e diedero personalità e vita al quartiere che si andava sviluppando nei suoi dintorni. Questa tradizione legata al mondo del commercio é ancora forte oggi e ha trovato nuova linfa dalla ristrutturazione dello storico mercato e dalla riqualificazione dei suoi dintorni.

L’aspetto attuale del quartiere é il risultato degli interventi realizzati in occasione dell’Esposizione Universale del 1929, quando si procedette con l’urbanizzazione e la sistemazione degli accessi a Montjuïc, con l’eliminazione delle baracche che si trovavano tra il Paral·lel e la Gran Vía e la Avenida de Mistral. Quest’ultima, che era una vecchia strada medievale che portava fuori città, é oggi un bellissimo viale pedonale che raccoglie la vita del quartiere e dei suoi dintorni.

Dell’etá d’oro del Paral·lel sono il “Teatre Talia”, inaugurato nel 1900, dove si alternarono spettacoli teatrali e zarzuela, fino alla sua definitiva chiusura nel 1987, cosí come il “Gran Price”, che ospitò tanto incontri di boxe quanto manifestazioni politiche e che fu demolito nel 1973.

Quartiere di Sant Antoni: Monumenti e Attrazioni

Dove si trova il Quartiere di Sant Antoni?

Il quartiere di Sant Antoni ricade nel Distretto de L’Eixample, posto al suo limite meridionale. Il quartiere confina con i quartieri della Nova Esquerra e dell’Antiga Esquerra de L’Eixample, oltre che con El Raval (Ciutat Vella) e con il Distretto di Sants-Montjuïc.

Torna su